Caricamento in corso…
Per una migliore esperienza, cambia il tuo browser in CHROME, FIREFOX, OPERA o Internet Explorer.
Tre nuovi modelli in vista per Lancia

Tre nuovi modelli in vista per Lancia

Tre nuovi modelli in vista per Lancia

Per il rilancio di Lancia sono previsti ben tre modelli completamente nuovi entro i prossimi sei anni.

La vettura prevista per il 2024 sarà una citycar con motorizzazione a benzina o 100% elettrica (prima volta per Lancia nei suoi 115 anni di storia) che andrà a sostituire l’attuale Ypsilon. Il secondo modello sarà un crossover, che arriverà nel primo trimestre 2026 e sarà venduto con motorizzazione solo elettrica.

Per quanto riguarda il terzo modello, invece, è prevista una berlina.

Una berlina in arrivo

Secondo quanto riportato dalla rivista  Automotive News Europe,  il terzo modello dovrebbe avrere l’architettura di una berlina compatta, ma al momento non sarebbe ancora stato formalmente approvato. Il team manager di Lancia sta valutando con il ceo di Stellantis Carlos Tavares l’effettiva forza di una vettura appartenente al segmento delle berline a due volumi compatte che dovrebbe debuttare entro la fine del 2027.

Lo style delle nuove vetture è affidato all’uomo di fiducia di Tavares all’interno di Psa, Jean Pierre Ploué, il quale è anche capo del design di tutto il nuovo gruppo per il Vecchio continente.

Come ha infatti annunciato il giorno della ufficializzazione della sua nomina: “la rinascita di Lancia è una sfida molto entusiasmante”.

Lancia oggi offre in gamma un unico modello, la citycar Ypsilon, basato su una piattaforma condivisa con la Fiat Panda e che produce grandi margini, vista la sua ormai decennale permanenza sul mercato senza interventi di rinnovamento profondi. Il marchio è presente in Europa quasi esclusivamente sul mercato italiano dove da gennaio a maggio ha immatricolato 22.783 unità (dati Acea), meglio di Ds (16.663) e Alfa Romeo (10.968). Secondo quanto dichiarato dal ceo di Stellantis Carlos Tavares l’intenzione è quella di mantenere per Lancia lo storico posizionamento premium del marchio all’interno del gruppo, insieme proprio a Ds e Alfa Romeo.

Come riporta il sito l’Automobile.

lascia il tuo commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Superiore