Caricamento in corso…
Per una migliore esperienza, cambia il tuo browser in CHROME, FIREFOX, OPERA o Internet Explorer.
Alfa Romeo: novità in arrivo

Alfa Romeo: novità in arrivo

Alfa Romeo: novità in arrivo

Il 24 giugno l’Alfa Romeo taglierà il traguardo dei suoi 111 anni. Anniversario che festeggerà durante l’anno d’esordio con Stellantis e che vede in ballo molte novità: in primis, il cambio di rotta con il ceo Jean-Philippe Imparato (ex-Peugeot) e l’amministratore delegato del gruppo Carlos Tavares.

I nuovi piani industriali della Casa di Arese verranno però pubblicati solo a fine 2021-inizio 2022, sia perché il primo nuovo modello dopo 5 anni – il Tonale – dovrebbe essere svelato in autunno sia perché in estate potrebbe essere annunciato l’arrivo del designer Alejandro Mesonero-Romanos

Nuovi modelli

Il tonale entrerà in produzione nel 2022 anche in versione ibrida plug in. Si tratta dell’ultima Alfa Romeo decisa da Fiat-Chrysler e andrà a inserirsi nel fondamentale segmento C, il più redditizio d’europa.

Ma i volumi maggiori avverranno nel segmento B e Imparato lo sa bene perché le “sue” Peugeot 208 e 2008 stanno dominando il mercato europeo. Sembra molto probabile, quindi, l’arrivo di una crossover compatta costruita sulla medesima piattaforma CMP, compatibile anche con l’alimentazione elettrica. Un progetto noto come “Brennero” e per il quale inizialmente si era fatto il nome dell’impianto polacco di Tychy, dove verranno costruite almeno due vetture simili a marchio Fiat e Jeep.

Auto sportive in arrivo

La piattaforma Giorgio non verrà più sviluppata, ma non è detto che i due modelli di segmento D non possano essere proposti con un look diverso.

Sembra invece improbabile la realizzazione di una nuova Giulietta con piattaforma e powertrain ibridi mutuati dalla tecnologia Psa, al fine di non creare concorrenza interna al tonale.

Per quanto riguarda le auto sportive, Jean Philippe ha annunciato che è molto interessato alla GTV e il Duetto. Ma bisogna prima portare Alfa Romeo ad un certo livello di performance economica e poi provare a discuterne.

lascia il tuo commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Superiore